La questione del “papa eretico”, un tempo semplice caso di scuola, è divenuta oggetto di dibattito negli ultimi anni del pontificato di papa Francesco. Chi voglia studiare seriamente questo problema non può prescindere dagli studi di Arnaldo Xavier da Silveira (1929-2018), la cui opera può definirsi pionieristica in questo campo.

Xavier da Silveira, formatosi alla scuola di Plinio Corrêa de Oliveira, ha affrontato infatti questo delicato argomento negli anni immediatamente successivi al Concilio Vaticano II. Esplorando la letteratura teologica e canonica sul tema, egli non si limita ad offrirci una panoramica delle diverse posizioni teologiche, ma aderisce alla opinione di san Roberto Bellarmino sulla possibilità che un Papa cada in eresia, arricchendo questa tesi di originali commenti.